Versi contenenti la parola: Tanto


Versi trovati: 283

Inferno : Canto 1

1.35 anzi 'mpediva tanto il mio cammino,
1.52 questa mi porse tanto di gravezza
1.96 ma tanto lo 'mpedisce che l'uccide;

1.135 e color cui tu fai cotanto mesti».

Inferno : Canto 2

2.42 che fu nel cominciar cotanto tosta.
2.79 tanto m'aggrada il tuo comandamento,
2.85 "Da che tu vuo' saver cotanto a dentro,

2.104 ché non soccorri quei che t'amò tanto,
2.126 e 'l mio parlar tanto ben ti promette?».
2.131 e tanto buono ardire al cor mi corse,

Inferno : Canto 3

3.43 E io: «Maestro, che è tanto greve
3.47 e la lor cieca vita è tanto bassa,
3.53 che girando correva tanto ratta,

Inferno : Canto 4

4.11 tanto che, per ficcar lo viso a fondo,
4.41 semo perduti, e sol di tanto offesi,
4.60 e con Rachele, per cui tanto fé;

4.79 Intanto voce fu per me udita:
4.99 e 'l mio maestro sorrise di tanto;
4.102 sì ch'io fui sesto tra cotanto senno.

Inferno : Canto 5

5.3 e tanto più dolor, che punge a guaio.
5.18 lasciando l'atto di cotanto offizio,
5.64 Elena vedi, per cui tanto reo

5.110 china' il viso e tanto il tenni basso,
5.125 del nostro amor tu hai cotanto affetto,
5.134 esser basciato da cotanto amante,

Inferno : Canto 6

6.87 se tanto scendi, là i potrai vedere.

Inferno : Canto 7

7.91 Quest'è colei ch'è tanto posta in croce

Inferno : Canto 8

8.6 tanto ch'a pena il potea l'occhio tòrre.

Inferno : Canto 9

9.48 Tesifón è nel mezzo»; e tacque a tanto.

Inferno : Canto 10

10.102 cotanto ancor ne splende il sommo duce.

Inferno : Canto 11

11.76 Ed elli a me «Perché tanto delira»,

Inferno : Canto 13

13.63 tanto ch'i' ne perde' li sonni e ' polsi.

Inferno : Canto 14

14.62 tanto, ch'i' non l'avea sì forte udito:

Inferno : Canto 15

15.14 tanto, ch'i' non avrei visto dov'era,
15.70 La tua fortuna tanto onor ti serba,
15.91 Tanto vogl'io che vi sia manifesto,

15.100 Né per tanto di men parlando vommi
15.105 ché 'l tempo sarìa corto a tanto suono.

Inferno : Canto 17

17.11 tanto benigna avea di fuor la pelle,

Inferno : Canto 18

18.59 anzi n'è questo luogo tanto pieno,

Inferno : Canto 19

19.37 E io: «Tanto m'è bel, quanto a te piace:
19.67 Se di saper ch'i' sia ti cal cotanto,

Inferno : Canto 23

23.42 tanto che solo una camicia vesta;
23.65 ma dentro tutte piombo, e gravi tanto,
23.97 Ma voi chi siete, a cui tanto distilla

23.126 tanto vilmente ne l'etterno essilio.

Inferno : Canto 24

24.137 in giù son messo tanto perch'io fui

Inferno : Canto 25

25.14 non vidi spirto in Dio tanto superbo,
25.114 tanto allungar quanto accorciavan quelle.
25.147 non poter quei fuggirsi tanto chiusi,

Inferno : Canto 26

26.46 E 'l duca che mi vide tanto atteso,
26.114 a questa tanto picciola vigilia
26.128 vedea la notte e 'l nostro tanto basso,

26.134 per la distanza, e parvemi alta tanto

Inferno : Canto 28

28.6 c'hanno a tanto comprender poco seno.

Inferno : Canto 29

29.21 la colpa che là giù cotanto costa».

Inferno : Canto 30

30.4 Atamante divenne tanto insano,
30.21 tanto il dolor le fé la mente torta.
30.23 si vider mai in alcun tanto crude,

30.82 S'io fossi pur di tanto ancor leggero
30.99 per febbre aguta gittan tanto leppo».

Inferno : Canto 31

31.13 tanto ch'avrebbe ogne tuon fatto fioco,
31.62 dal mezzo in giù, ne mostrava ben tanto
31.106 Non fu tremoto già tanto rubesto,

Inferno : Canto 32

32.54 disse: «Perché cotanto in noi ti specchi?

Inferno : Canto 33

33.111 tanto che data v'è l'ultima posta,

Inferno : Canto 34

34.16 Quando noi fummo fatti tanto avante,
34.47 quanto si convenia a tanto uccello:
34.84 «conviensi dipartir da tanto male».

34.109 Di là fosti cotanto quant'io scesi;
34.128 tanto quanto la tomba si distende,
34.137 tanto ch'i' vidi de le cose belle

Purgatorio : Canto 1

1.85 «Marzia piacque tanto a li occhi miei

Purgatorio : Canto 2

2.42 tanto che l'acqua nulla ne 'nghiottiva.
2.111 venendo qui, è affannata tanto!».

Purgatorio : Canto 3

3.46 Noi divenimmo intanto a piè del monte;
3.93 non sappiendo 'l perché, fenno altrettanto.

Purgatorio : Canto 4

4.51 tanto che 'l cinghio sotto i piè mi fue.
4.92 tanto, che sù andar ti fia leggero
4.130 Prima convien che tanto il ciel m'aggiri

Purgatorio : Canto 5

5.10 «Perché l'animo tuo tanto s'impiglia»,
5.22 E 'ntanto per la costa di traverso
5.122 ver' lo fiume real tanto veloce

Purgatorio : Canto 6

6.142 verso di te, che fai tanto sottili

Purgatorio : Canto 8

8.20 ché 'l velo è ora ben tanto sottile,

Purgatorio : Canto 10

10.14 tanto che pria lo scemo de la luna
10.86 tanto ch'i' torni»; e quella: «Segnor mio»,

Purgatorio : Canto 11

11.64 ogn'uomo ebbi in despetto tanto avante,
11.71 per lei, tanto che a Dio si sodisfaccia,

Purgatorio : Canto 13

13.23 tanto di là eravam noi già iti,
13.121 tanto ch'io volsi in sù l'ardita faccia

Purgatorio : Canto 14

14.14 tanto maravigliar de la tua grazia,
14.50 tanto più trova di can farsi lupi
14.80 tanto sua grazia, non ti sarò scarso;

Purgatorio : Canto 15

15.4 tanto pareva già inver' la sera
15.19 a quel che scende, e tanto si diparte
15.26 schermar lo viso tanto che mi vaglia»,

15.56 tanto possiede più di ben ciascuno,
15.70 Tanto si dà quanto trova d'ardore;

Purgatorio : Canto 16

16.41 tanto che vuol ch'i' veggia la sua corte

Purgatorio : Canto 17

17.49 e fece la mia voglia tanto pronta
17.61 Or accordiamo a tanto invito il piede;
17.70 Già eran sovra noi tanto levati

Purgatorio : Canto 18

18.139 Poi quando fuor da noi tanto divise
18.143 e tanto d'uno in altro vaneggiai,

Purgatorio : Canto 19

19.21 tanto son di piacere a sentir piena!
19.126 tanto staremo immobili e distesi».

Purgatorio : Canto 20

20.22 e seguitar: «Povera fosti tanto,
20.34 «O anima che tanto ben favelle,
20.77 guadagnerà, per sé tanto più grave,

20.100 tanto è risposto a tutte nostre prece
20.126 tanto quanto al poder n'era permesso,

Purgatorio : Canto 21

21.21 chi v'ha per la sua scala tanto scorte?».
21.74 tanto del ber quant'è grande la sete.
21.88 Tanto fu dolce mio vocale spirto,

21.106 ché riso e pianto son tanto seguaci
21.112 e «Se tanto labore in bene assommi»,

Purgatorio : Canto 22

22.23 loco avarizia, tra cotanto senno
22.82 Vennermi poi parendo tanto santi,
22.153 per ch'elli è glorioso e tanto grande

Purgatorio : Canto 23

23.23 palida ne la faccia, e tanto scema,
23.91 Tanto è a Dio più cara e più diletta
23.127 Tanto dice di farmi sua compagna,

Purgatorio : Canto 24

24.77 ma già non fia il tornar mio tantosto,
24.152 tanto di grazia, che l'amor del gusto

Purgatorio : Canto 25

25.53 qual d'una pianta, in tanto differente,
25.55 tanto ovra poi, che già si move e sente,

Purgatorio : Canto 26

26.8 parer la fiamma; e pur a tanto indizio
26.96 tal mi fec'io, ma non a tanto insurgo,
26.107 per quel ch'i' odo, in me, e tanto chiaro,

Purgatorio : Canto 27

27.110 che tanto a' pellegrin surgon più grati,
27.121 Tanto voler sopra voler mi venne

Purgatorio : Canto 28

28.14 tanto, che li augelletti per le cime
28.23 dentro a la selva antica tanto, ch'io
28.48 tanto ch'io possa intender che tu canti.

28.64 Non credo che splendesse tanto lume
28.84 ad ogne tua question tanto che basti».
28.101 questo monte salìo verso 'l ciel tanto,

28.109 e la percossa pianta tanto puote,
28.125 che tanto dal voler di Dio riprende,

Purgatorio : Canto 29

29.99 tanto ch'a questa non posso esser largo;
29.112 Tanto salivan che non eran viste;
29.122 venìan danzando: l'una tanto rossa

Purgatorio : Canto 30

30.34 E lo spirito mio, che già cotanto
30.118 Ma tanto più maligno e più silvestro
30.136 Tanto giù cadde, che tutti argomenti

Purgatorio : Canto 31

31.7 Era la mia virtù tanto confusa,

Purgatorio : Canto 32

32.34 Forse in tre voli tanto spazio prese
32.40 La coma sua, che tanto si dilata
32.140 e l'una e l'altra rota e 'l temo, in tanto

32.159 tanto che sol di lei mi fece scudo

Purgatorio : Canto 33

33.20 mi disse, «tanto che, s'io parlo teco,
33.66 lei tanto e sì travolta ne la cima.
33.82 Ma perché tanto sovra mia veduta

33.89 distar cotanto, quanto si discorda

Paradiso : Canto 1

1.8 nostro intelletto si profonda tanto,
1.23 tanto che l'ombra del beato regno
1.79 parvemi tanto allor del cielo acceso

1.81 lago non fece alcun tanto disteso.
1.84 mai non sentito di cotanto acume.
1.121 La provedenza, che cotanto assetta,

Paradiso : Canto 2

2.23 e forse in tanto in quanto un quadrel posa
2.67 Se raro e denso ciò facesser tanto,
2.69 più e men distributa e altrettanto.

2.103 Ben che nel quanto tanto non si stenda

Paradiso : Canto 3

3.5 me stesso, tanto quanto si convenne
3.8 a sé me tanto stretto, per vedersi,
3.55 E questa sorte che par giù cotanto,

3.68 da indi mi rispuose tanto lieta,
3.124 La vista mia, che tanto lei seguio

Paradiso : Canto 4

4.110 ma consentevi in tanto in quanto teme,
4.121 non è l'affezion mia tanto profonda,

Paradiso : Canto 5

5.14 per manco voto, si può render tanto
5.61 Però qualunque cosa tanto pesa

Paradiso : Canto 7

7.106 Ma perché l'ovra tanto è più gradita

Paradiso : Canto 8

8.23 o visibili o no, tanto festini,
8.44 tanto s'avea, e «Deh, chi siete?» fue

Paradiso : Canto 9

9.9 come quel ben ch'a ogne cosa è tanto.
9.86 tanto sen va, che fa meridiano
9.107 cotanto affetto, e discernesi 'l bene

9.129 e di cui è la 'nvidia tanto pianta,

Paradiso : Canto 10

10.12 tanto che mai da lei l'occhio non parte.
10.57 con tutto 'l suo gradir cotanto presto,
10.72 tanto che non si posson trar del regno;

10.85 multiplicato in te tanto resplende,
10.114 a veder tanto non surse il secondo.

Paradiso : Canto 11

11.12 cotanto gloriosamente accolto.
11.79 tanto che 'l venerabile Bernardo
11.109 Quando a colui ch'a tanto ben sortillo

Paradiso : Canto 12

12.7 canto che tanto vince nostre muse,
12.116 coi piedi a le sue orme, è tanto volta,
12.142 Ad inveggiar cotanto paladino

Paradiso : Canto 13

13.5 lo ciel avvivan di tanto sereno
13.22 poi ch'è tanto di là da nostra usanza,
13.41 e prima e poscia tanto sodisfece,

13.62 giù d'atto in atto, tanto divenendo,

Paradiso : Canto 14

14.38 di paradiso, tanto il nostro amore
14.61 Tanto mi parver sùbiti e accorti
14.94 ché con tanto lucore e tanto robbi

14.127 Io m'innamorava tanto quinci,

Paradiso : Canto 15

15.48 che nel mio seme se' tanto cortese!».
15.141 tanto per bene ovrar li venni in grado.

Paradiso : Canto 16

16.95 di nova fellonia di tanto peso
16.152 e giusto il popol suo, tanto che 'l giglio

Paradiso : Canto 18

18.12 sovra sé tanto, s'altri non la guidi.
18.13 Tanto poss'io di quel punto ridire,
18.23 l'affetto ne la vista, s'elli è tanto,

18.55 e vidi le sue luci tanto mere,
18.56 tanto gioconde, che la sua sembianza

Paradiso : Canto 19

19.33 dubbio che m'è digiun cotanto vecchio».
19.42 distinse tanto occulto e manifesto,
19.56 tanto, che suo principio discerna

19.69 di che facei question cotanto crebra;
19.88 Cotanto è giusto quanto a lei consuona:
19.137 del barba e del fratel, che tanto egregia

Paradiso : Canto 20

20.42 per lo remunerar ch'è altrettanto.
20.115 e credendo s'accese in tanto foco

Paradiso : Canto 21

21.10 se non si temperasse, tanto splende,
21.30 tanto, che nol seguiva la mia luce.
21.65 discesi tanto sol per farti festa

21.68 ché più e tanto amor quinci sù ferve,
21.86 mi leva sopra me tanto, ch'i' veggio
21.99 a tanto segno più mover li piedi.

21.108 tanto che ' troni assai suonan più bassi,
21.132 tanto son gravi, e chi di rietro li alzi.
21.135 oh pazienza che tanto sostieni!».

Paradiso : Canto 22

22.12 poscia che 'l grido t'ha mosso cotanto;
22.42 la verità che tanto ci soblima;
22.57 tanto divien quant'ell'ha di possanza.

22.79 Ma grave usura tanto non si tolle
22.85 La carne d'i mortali è tanto blanda,
22.109 tu non avresti in tanto tratto e messo

22.151 L'aiuola che ci fa tanto feroci,

Paradiso : Canto 23

23.32 la lucente sustanza tanto chiara
23.53 di tanto grato, che mai non si stingue
23.116 tanto distante, che la sua parvenza,

Paradiso : Canto 24

24.23 si volse con un canto tanto divo,

Paradiso : Canto 25

25.125 tanto con li altri, che 'l numero nostro

Paradiso : Canto 26

26.4 dicendo: «Intanto che tu ti risense
26.29 così accende amore, e tanto maggio
26.31 Dunque a l'essenza ov'è tanto avvantaggio,

26.65 de l'ortolano etterno, am'io cotanto
26.88 fec'io in tanto in quant'ella diceva,
26.116 fu per sé la cagion di tanto essilio,

Paradiso : Canto 27

27.38 con voce tanto da sé trasmutata,
27.104 incominciò, ridendo tanto lieta,
27.145 che la fortuna che tanto s'aspetta,

Paradiso : Canto 28

28.22 Forse cotanto quanto pare appresso
28.50 veder le volte tanto più divine,
28.60 tanto, per non tentare, è fatto sodo!».

28.130 E Dionisio con tanto disio
28.136 E se tanto secreto ver proferse

Paradiso : Canto 29

29.7 tanto, col volto di riso dipinto,
29.45 sanza sua perfezion fosser cotanto.
29.53 che tu discerni, con tanto diletto,

29.60 che li avea fatti a tanto intender presti:
29.86 filosofando: tanto vi trasporta
29.112 e quel tanto sonò ne le sue guance,

29.132 né concetto mortal che tanto vada;

Paradiso : Canto 30

30.59 tale, che nulla luce è tanto mera,
30.72 tanto mi piace più quanto più turge;
30.81 che non hai viste ancor tanto superbe».

30.104 in tanto che la sua circunferenza

Paradiso : Canto 31

31.14 e l'ali d'oro, e l'altro tanto bianco,
31.74 occhio mortale alcun tanto non dista,
31.116 tanto che veggi seder la regina

31.141 li suoi con tanto affetto volse a lei,

Paradiso : Canto 32

32.5 quella ch'è tanto bella da' suoi piedi
32.62 in tanto amore e in tanto diletto,
32.93 né mi mostrò di Dio tanto sembiante;

32.103 qual è quell'angel che con tanto gioco
32.123 l'umana specie tanto amaro gusta;
32.134 tanto contenta di mirar sua figlia,

Paradiso : Canto 33

33.13 Donna, se' tanto grande e tanto vali,
33.26 tanto, che possa con li occhi levarsi
33.36 dopo tanto veder, li affetti suoi.

33.45 per creatura l'occhio tanto chiaro.
33.57 e cede la memoria a tanto oltraggio.
33.67 O somma luce che tanto ti levi

33.70 e fa la lingua mia tanto possente,
33.80 per questo a sostener, tanto ch'i' giunsi
33.84 tanto che la veduta vi consunsi!

33.123 è tanto, che non basta a dicer `poco'.


Quando sarò dinanzi al segnor mio, | di te mi loderò sovente a lui". | Tacette allora, e poi comincia' io:   •   Inferno, Canto 2, Verso 75

© 2009-2014   •   Divina Commedia