Ed elli a me: «Tu lasci tal vestigio, | per quel ch'i' odo, in me, e tanto chiaro, | che Letè nol può tòrre né far bigio.   •   Purgatorio, Canto 26, Verso 107

© 2009-2014   •   Divina Commedia