Ciò ch'io vedeva mi sembiava un riso
de l'universo; per che mia ebbrezza
intrava per l'udire e per lo viso.

Paradiso, Canto 27, Verso 5

| vedeva | sembiava | riso | universo | ebbrezza | intrava | udire | viso |


giusto giudicio da le stelle caggia | sovra 'l tuo sangue, e sia novo e aperto, | tal che 'l tuo successor temenza n'aggia!   •   Purgatorio, Canto 6, Verso 102

© 2009-2014   •   Divina Commedia