che se tu a ragion di lui ti piangi,
sappiendo chi voi siete e la sua pecca,
nel mondo suso ancora io te ne cangi,

Inferno, Canto 32, Verso 136

| ragion | piangi | sappiendo | siete | pecca | mondo | suso | ancora | cangi |


quel di Gallura, vasel d'ogne froda, | ch'ebbe i nemici di suo donno in mano, | e fé sì lor, che ciascun se ne loda.   •   Inferno, Canto 22, Verso 84

© 2009-2014   •   Divina Commedia