Ne l'ora che non può 'l calor diurno
intepidar più 'l freddo de la luna,
vinto da terra, e talor da Saturno

Purgatorio, Canto 19, Verso 1

| calor | diurno | intepidar | freddo | luna | vinto | terra | talor | saturno |


non è l'affezion mia tanto profonda, | che basti a render voi grazia per grazia; | ma quei che vede e puote a ciò risponda.   •   Paradiso, Canto 4, Verso 121

© 2009-2014   •   Divina Commedia