L'omero suo, ch'era aguto e superbo,
carcava un peccator con ambo l'anche,
e quei tenea de' piè ghermito 'l nerbo.

Inferno, Canto 21, Verso 35

| omero | aguto | superbo | carcava | peccator | ambo | anche | quei | tenea | ghermito | nerbo |


ma per la vista che s'avvalorava | in me guardando, una sola parvenza, | mutandom'io, a me si travagliava.   •   Paradiso, Canto 33, Verso 114

© 2009-2014   •   Divina Commedia