Oh quanta è l'ubertà che si soffolce
in quelle arche ricchissime che fuoro
a seminar qua giù buone bobolce!

Paradiso, Canto 23, Verso 130

| quanta | ubertà | soffolce | quelle | arche | ricchissime | fuoro | seminar | buone | bobolce |


Al suon di lei ciascun di noi si torse, | e vedemmo a mancina un gran petrone, | del qual né io né ei prima s'accorse.   •   Purgatorio, Canto 4, Verso 102

© 2009-2014   •   Divina Commedia